CERIMONIE E RITIRI DI MEDICINA AMAZZONICA

sciamanesimo corsi sciamanesimo
.. contattaci ...

Un ritiro di Medicina Amazzonica è un'opportunità di cambio, evoluzione, guarigione e rinnovamento delle nostre energie e del nostro essere.
Riconnettendoci con il cosmo vivente riacquisiamo potere, splendore, forza vitale e una rinnovata voglia di gioire e celebrare l'esistenza.
Un ritiro è un momento di crescita interiore, di acquisizione di conoscenze e insegnamenti ancestrali.
Il ritiro integra le pratiche di medicina amazzonica come il lavoro di cerimonia, il canto degli icaro, le purghe, i bagni di scarico e florecimento, il lavoro con i 4 elementi, cerimonie di temascal, dieta, ecc a momenti di condivisione, arti del non fare, danza, contatto con la natura, kriya e pratiche yogiche, meditazione e rituali di purificazione e guarigione.
Consigliamo a chi è interessato a partecipare ad un ritiro di Medicina Amazzonica di leggere con attenzione tutto il materiale che segue, in quanto una corretta informazione su quello che verrà proposto e a cui parteciperete è essenziale.
sciamanesimo corsi sciamanesimo

COME SI SVOLGE UNA CERIMONIA

Le cerimonie sono un'esperienza unica che viene accompagnata con il massimo dell'energia cosmica perchè ognuno possa fare la sua esperienza in serenità, in un ambiente tranquillo e familiare, di condivisione e fiducia.
Il rito si svolge secondo la tradizione amazzonica, per tutta la sessione si rimane nella sala principalmente al buio o alla luce di una candela. Tutta la cerimonia viene accompagnata dal canto di icaros, musica medicina, mantra e canti sacri.
La cerimonia segue l'andamento tradizionale e rispetta determinate fasi che sono accompagnate da specifici canti dello sciamano.
Si inizia invocando con un canto la presenza e la protezione di un "arcana" di protezione e si prosegue cantando per pulire il corpo ed eliminare energie pesanti o intruse e memorie negative provenienti dal karma personale o familiare o da interventi esterni.
Si canterà per recuperare parti dell'anima perdute, calmarle, sanarle e aiutare la loro reintegrazione; questo è il principale proceso di sanazione.
Terminata la sanazione si canta per la riconnessione con le forze del cosmo e le quattro energie intorno all'essere, aprendo il ponte di connessione con l'universo, la luna, le stelle, i pianeti ed il cielo, ci si connette con la terra, le montagne, le rocce, con le acque, lagune, fiumi, pesci ed esseri dell'acqua ed infine con il vento, gli alberi, la foresta gli uccelli.
Durante l'intera cerimonia ognuno è libero di condividere e di esprimersi liberamente.
C'è la possibilità che nello svolgimento del rituale alcuni spiriti guida o dottori luminosi possano essere incorporati dallo sciamano, lo spirito presente può decidere di parlare con i presenti, a volte anche di faccende personali; si potrà chiedere un colloquio con lo spirito presente che, in alcuni casi, può guidare parte della cerimonia o intervenire sul corpo energetico dei presenti o consigliare rituali per la guarigione. Tutto ciò non avviene sempre, non è prevedibile e non è programmabile.
Le nostre cerimonie vengono svolte in un luogo protetto e accogliente, sono sempre di piccoli gruppi per un massimo di 10 partecipanti per permettere a tutti una buona esperienza.
Le materie prime con cui lavoriamo vengono dal Perù o dalla Colombia e la preparazione  è eseguita personalmente, seguendo riti tradizionali come il canto degli icaros e caricando la medicina con intenti di luce, si evita in questo modo di assumere medicina non controllata e carica di energie pesanti.

sciamanesimo corsi sciamanesimo

LA MEDICINA DELLA SELVA

La medicina della selva è una potente medicina energetica sciamanica che lavora sulla totalità e su tutti gli strati dell'essere.
Non è una droga, non è un allocinogeno, non è una sostanza a sballo per chi cerca fughe o scappatoie da questa realtà.
Ha proprietà purificatrici e di attivazione di aree del cervello che normalmente sono sopite, sono le stesse aree cerebrali attivate da intense meditazioni, yoga o forti pratiche respiratorie. In particolar modo viene stimolata la ghiandola pineale conosciuta anche come la ghiandola di Dio.
Si dicono molte cose sulla medicina della selva, positive e negative; viene definita a volte una bevanda miracolosa capace di spazzare via tutti i nostri problemi in una volta sola ma questa non è la realtà, in verità ci guida in una cammino di fede, fiducia e accettazione, può divenire nostra maestra e donarci insegnamenti preziosi che starà però sempre agli allievi comprendere ed applicare alla propria vita divenendo impeccabili.
La medicina della selva, così come lo sciamano, può indicarvi un cammino che sarete sempre voi a scegliere di percorrere.

La mds prende "il male" dentro di noi e ci aiuta ad eliminarlo tramite effetti fisici o psichici.
E' una medicina somatica che attiva nel corpo un'azione di rilascio dei blocchi psichici ed emotivi, di memorie negative intrappolate nelle nostre cellule e di blocchi animici. Lo fa inducendo stati corporei come vomito ed evaquazione dell'intestino, sudorazione, sbadigli, tremori, sensazioni di caldo freddo, rilassamento o tensione muscolare che sono tipici metodi che il corpo utilizza per la rimozione e il completamento di un trauma come insegna la medicina somatica.
Durante il processo di liberazione si possono rivivere emozioni e stati legati ai nostri conflitti: paura, rabbia, angoscia e sentimenti negativi da cui la pianta aiuta a dissocciarsi e a diventarne osservatori esterni permettendo la risoluzione del trauma.
Elimina le nostre resitenze, blocchi che impediscono all'energia di fluire, allenta e destruttura quello che lo psicanalista Wilhelm Reich definiva armatura.
A livello spirituale viene favorita l'apertura e la connessione con l'intero cosmo e creato, reintegrandoci nel grande mistero e riconnettendoci agli archetipi che guidano il nostro inconscio. E' in questa riconnessione con le buone energie, con il cuore e con la forza dell'amore che si giunge ad una profonda pace interiore e all'emersione dei nostri talenti e capacità interiori.